AGENZIA DELLE ENTRATE

PROVVEDIMENTO 28 marzo 2017.

(Agenzia delle Entrate)

 

Approvazione dei modelli per la costituzione di deposito vincolato in titoli di Stato o garantiti dallo Stato e di polizza fideiussoria o fideiussione bancaria per l'estrazione dei beni introdotti nel deposito IVA ai sensi del comma 4, lettera b) dell'art. 50-bis del decreto-legge 30 agosto 1993, n. 331 da parte di soggetti che intendono avvalersi della possibilità, prevista dall'art. 2 comma 4 del decreto ministeriale 23 febbraio 2017, di assolvere l'imposta a norma dell'art. 17, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica n. 633 del 1972 prestando garanzia con le modalità previste dal comma 5 dell'art. 38-bis del medesimo decreto.

IL DIRETTORE DELL'AGENZIA

In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento

Dispone

1. Approvazione dei modelli per la costituzione di deposito vincolato in titoli di Stato o garantiti dallo Stato e di polizza fideiussoria o fideiussione bancaria per l'estrazione dei beni introdotti nel deposito IVA ai sensi del comma 4, lettera b) dell'art. 50-bis del decreto-legge 30 agosto 1993, n. 331 da parte di soggetti che intendono avvalersi della possibilità, prevista dall'art. 2 comma 4 del decreto ministeriale 23 febbraio 2017, di assolvere l'imposta a norma dell'art. 17, comma 2, del D.P.R. n. 633 del 1972 prestando garanzia con le modalità previste dal comma 5 dell'art. 38-bis del medesimo decreto

1.1. E' approvato il modello per intermediari/banche per la costituzione di deposito vincolato in titoli di Stato o garantiti dallo Stato per l'estrazione di beni introdotti nel deposito IVA ai sensi del comma 4, lettera b) dell'art. 50-bis del D.L. 30 agosto 1993, n. 331 da parte dei soggetti che intendono prestare garanzia con le modalità previste dal comma 5 dell'art. 38-bis del decreto del Presidente della Repubblica n. 633 del 1972, unitamente alle relative condizioni generali che regolano il rapporto tra l'intermediario o la banca presso la quale è costituito il deposito vincolato in titoli di Stato e l'Agenzia delle entrate.

1.2. E' approvato il modello per società/banche per il rilascio di polizza fideiussoria o fideiussione bancaria per l'estrazione di beni introdotti nel deposito IVA ai sensi del comma 4, lettera b) dell'art. 50-bis del decreto-legge 30 agosto 1993, n. 331 da parte dei soggetti che intendono prestare garanzia con le modalità previste dal comma 5 dell'art. 38-bis del decreto del Presidente della Repubblica n. 633 del 1972, unitamente alle relative condizioni generali di assicurazione che regolano il rapporto tra la società o banca che rilascia la garanzia e l'Agenzia delle entrate.

1.3. I modelli sono resi disponibili gratuitamente dall'Agenzia delle entrate sul sito internet www.agenziaen
trate.gov.it.

Motivazioni

I modelli approvati dal presente provvedimento consentono, ai soggetti che intendono estrarre beni introdotti in depositi IVA ai sensi del comma 4, lettera b) dell'art. 50-bis del decreto-legge 30 agosto 1993, n. 331 avvalendosi della possibilità, prevista dall'art. 2 comma 4 del decreto ministeriale 23 febbraio 2017, di assolvere l'imposta a norma dell'art. 17, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica n. 633 del 1972, prestando garanzia con le modalità previste dal comma 5 dell'articolo 38-bis del medesimo decreto a favore del competente ufficio dell'Agenzia delle entrate, per l'importo corrispondente all'imposta dovuta per la durata di 6 mesi dalla data di estrazione.

In riferimento al modello di cui al punto 1.1. si evidenzia che la costituzione del deposito vincolato in titoli di Stato o garantiti dallo Stato è effettuata, in base all'articolo 83-octies del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, per il tramite di un intermediario autorizzato ai sensi dell'articolo 79-quater del citato decreto legislativo n. 58 del 1998.

A seguito della dematerializzazione dei titoli di Stato, operata dal decreto 31 luglio 1998, i depositi possono essere costituiti solo presso gli intermediari che, per effetto delle modifiche normative succedutesi nel tempo, sono quelli autorizzati ai sensi del citato articolo 79-quater. Quindi, l'allegato modello di cui al punto 1.1 risponde all'esigenza dei contribuenti di offrire le garanzie previste dal comma 5 dell'articolo 38-bis del D.P.R. n. 633 del 1972 anche sotto forma di cauzione in titoli di Stato o garantiti dallo Stato.

L'adozione degli allegati modelli segue la modifica dell'art. 50-bis del decreto-legge del 30 agosto 1993, n. 331 apportata dal decreto-legge del 22 ottobre 2016, n. 193 art. 4 convertito con modificazioni dalla legge 1 dicembre 2016 n. 225.

Riferimenti normativi

Attribuzioni del Direttore dell'Agenzia delle entrate

Decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, recante la riforma dell'organizzazione del Governo, a norma dell'articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59, [art. 57; art. 62; art. 66; art. 67, comma 1; art. 68, comma 1; art. 71, comma 3, lettera a); art. 73, comma 4];

Statuto dell'Agenzia delle entrate, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 42 del 20 febbraio 2001 (art. 5, comma 1; art. 6, comma 1);

Regolamento di amministrazione dell'Agenzia delle entrate, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 36 del 13 febbraio 2001 (art. 2, comma 1);

Disciplina normativa di riferimento

Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni: Istituzione e disciplina dell'imposta sul valore aggiunto;

decreto-legge 30 agosto 1993 n. 331 convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, recante disposizioni concernenti l'armonizzazione delle disposizioni in materia di IVA con quelle recate da Direttive CEE e modificazioni conseguenti a detta armonizzazione;

decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471, concernente la riforma delle sanzioni tributarie non penali in materia di imposte dirette, di imposta sul valore aggiunto e di riscossione dei tributi, a norma dell'articolo 3, comma 133, lettera q), della legge 23 dicembre 1996, n. 662;

decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58: Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria ai sensi degli articoli 8 e 21 della legge 6 febbraio 1996, n. 52.

Stampa l'Articolo   Aggiungi l'Articolo all'elenco dei tuoi Preferiti   Aggiungi/Visualizza i commenti sull'Articolo   Chiudi Scheda