ATTI LEGISLATIVI O REGOLAMENTARI

DECRETO LEGISLATIVO 3 ottobre 2017, n. 149.

(Gazzetta Ufficiale n. 242 del 16 ottobre 2017)

 

Disposizioni di modifica del Libro XI del Codice di procedura penale in materia di rapporti giurisdizionali con Autorità straniere.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

...omissis...

EMANA

il seguente decreto legislativo:

Capo I

DISPOSIZIONI GENERALI

Art. 1.

Disposizioni di principio e ambito di applicazione

1. Il presente decreto disciplina le estradizioni, le domande di assistenza giudiziaria internazionali, gli effetti delle sentenze penali straniere, l'esecuzione all'estero delle sentenze penali italiane e gli altri rapporti con le Autorità straniere, relativi all'amministrazione della giustizia in materia penale.

Capo II

MODIFICHE IN MATERIA DI RAPPORTI

GIURISDIZIONALI CON AUTORITA' STRANIERE

Art. 2.

Modifiche in materia di prevalenza delle convenzioni

e del diritto internazionale generale

1. Al Codice di procedura penale, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988, n. 447, l'articolo 696 è sostituito dal seguente:

"Art. 696. (Prevalenza del diritto dell'Unione europea, delle convenzioni e del diritto internazionale generale) - 1. Nei rapporti con gli Stati membri dell'Unione europea le estradizioni, le domande di assistenza giudiziaria internazionali, gli effetti delle sentenze penali straniere, l'esecuzione all'estero delle sentenze penali italiane e gli altri rapporti con le Autorità straniere, relativi all'amministrazione della giustizia in materia penale, sono disciplinati dalle norme del Trattato sull'Unione europea e del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea, nonchè dagli atti normativi adottati in attuazione dei medesimi. Se tali norme mancano o non dispongono diversamente, si applicano le norme delle convenzioni internazionali in vigore per lo Stato e le norme di diritto internazionale generale.

2. Nei rapporti con Stati diversi da quelli membri dell'Unione europea le estradizioni, le domande di assistenza giudiziaria internazionali, gli effetti delle sentenze penali straniere, l'esecuzione all'estero delle sentenze penali italiane e gli altri rapporti con le Autorità straniere, relativi all'amministrazione della giustizia in materia penale, sono disciplinati dalle norme delle convenzioni internazionali in vigore per lo Stato e dalle norme di diritto internazionale generale.

3. Se le norme indicate ai commi 1 e 2 mancano o non dispongono diversamente, si applicano le norme del presente Libro.

4. Il Ministro della Giustizia può, in ogni caso, non dare corso alle domande di cooperazione giudiziaria quando lo Stato richiedente non dia idonee garanzie di reciprocità.".

Art. 3.

Princìpi generali del mutuo riconoscimento

delle decisioni e dei provvedimenti

fra Stati membri dell'Unione europea

1. Al Codice di procedura penale, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988, n. 447, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al Libro XI, dopo il Titolo I, è inserito il seguente:

"TITOLO I-bis

PRINCIPI GENERALI DEL MUTUO

RICONOSCIMENTO DELLE DECISIONI

E DEI PROVVEDIMENTI GIUDIZIARI

TRA STATI MEMBRI DELL'UNIONE EUROPEA

Art. 696-bis. (Principio del mutuo riconoscimento) - 1. Il principio del mutuo riconoscimento è disciplinato dalle norme del presente Titolo e dalle altre disposizioni di legge attuative del diritto dell'Unione europea.

2. Le decisioni e i provvedimenti giudiziari emessi dalle competenti Autorità degli altri Stati membri possono essere riconosciuti ed eseguiti nel territorio dello Stato; l'Autorità giudiziaria può richiedere alle competenti Autorità degli altri Stati membri l'esecuzione dei propri provvedimenti e decisioni.

Art. 696-ter. (Tutela dei diritti fondamentali della persona nel mutuo riconoscimento) - 1. L'Autorità giudiziaria provvede al riconoscimento e all'esecuzione se non sussistono fondate ragioni per ritenere che l'imputato o il condannato verrà sottoposto ad atti che configurano una grave violazione dei princìpi fondamentali dell'Ordinamento giuridico dello Stato, dei diritti fondamentali della persona riconosciuti dall'articolo 6 del Trattato sull'Unione europea o dei diritti, delle libertà e dei princìpi sanciti nella Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea.

Art. 696-quater. (Modalità di trasmissione delle decisioni giudiziarie) - 1. L'Autorità giudiziaria competente riceve direttamente le decisioni e i provvedimenti da riconoscere ed eseguire nel territorio dello Stato.

2. L'Autorità giudiziaria trasmette direttamente alle competenti Autorità giudiziarie degli altri Stati membri le decisioni e i provvedimenti da riconoscere ed eseguire, dandone comunicazione al Ministro della Giustizia nei casi e nei modi previsti dalla legge, anche ai fini dell'esercizio dei poteri di cui all'articolo 696-sexies.

3. La documentazione e gli accertamenti integrativi, nonchè le ulteriori informazioni necessarie all'esecuzione delle decisioni e dei provvedimenti dei quali sia chiesto il riconoscimento, sono oggetto di trasmissione diretta tra le Autorità giudiziarie degli Stati membri.

Art. 696-quinquies. (Limiti al sindacato delle decisioni giudiziarie degli altri Stati membri) - 1. L'Autorità giudiziaria riconosce ed esegue le decisioni e i provvedimenti giudiziari degli altri Stati membri senza sindacarne le ragioni di merito, salvo che sia altrimenti previsto. E' in ogni caso assicurato il rispetto dei princìpi fondamentali dell'Ordinamento giuridico dello Stato.

Art. 696-sexies. (Poteri del Ministro della Giustizia) - 1. Il Ministro della Giustizia, nei casi e nei modi previsti dalla legge, garantisce l'osservanza delle condizioni eventualmente poste in casi particolari dall'Autorità giudiziaria dello Stato membro per dare esecuzione alle decisioni giudiziarie di cui è stato chiesto il riconoscimento, sempre che tali condizioni non contrastino con i princìpi fondamentali dell'Ordinamento giuridico dello Stato.

2. Il Ministro della Giustizia verifica l'osservanza delle condizioni poste dall'Autorità giudiziaria italiana per l'esecuzione delle decisioni e dei provvedimenti nel territorio di altro Stato membro.

Art. 696-septies. (Mutuo riconoscimento e responsabilità da reato degli enti) - 1. In materia di mutuo riconoscimento delle decisioni giudiziarie riguardanti la responsabilità da reato degli enti, nei rapporti con gli Stati membri dell'Unione europea, si osservano le norme di questo titolo nonchè quelle contenute in altre disposizioni di legge attuative del diritto dell'Unione europea.

Art. 696-octies. (Modalità di esecuzione) - 1. L'Autorità giudiziaria riconosce ed esegue le decisioni e i provvedimenti giudiziari di altri Stati membri senza ritardo e con modalità idonee ad assicurarne la tempestività e l'efficacia.

2. All'esecuzione delle decisioni e dei provvedimenti giudiziari al cui riconoscimento l'interessato ha prestato il consenso si provvede senza formalità, nel rispetto dei diritti fondamentali della persona.

Art. 696-novies. (Impugnazioni) - 1. Le decisioni sul riconoscimento e l'esecuzione di un provvedimento emesso dall'Autorità giudiziaria di altro Stato membro sono impugnabili nei casi e con i mezzi previsti dalla legge.

2. Avverso le sentenze e i provvedimenti sulla libertà personale è ammesso il ricorso per Cassazione per violazione di legge.

3. Non è ammessa l'impugnazione per motivi di merito, salvo quanto previsto dall'articolo 696-quinquies.

4. L'impugnazione non ha effetto sospensivo, salvo che sia diversamente previsto.

Art. 696-decies. (Tutela dei terzi di buona fede) - 1. I terzi di buona fede interessati dall'esecuzione della decisione di riconoscimento sono tutelati nei casi e con i mezzi previsti dalla legge. Ai terzi è assicurata la partecipazione al procedimento di riconoscimento con le forme e le garanzie che la legge assicura nei procedimenti analoghi già regolati dall'Ordinamento interno.".

Art. 4.

Modifiche in materia di estradizione per l'estero

1. Al Codice di procedura penale, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988, n. 447, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) all'articolo 697:

1) al comma 1, le parole: "La consegna" sono sostituite dalle seguenti: "Salvo che sia diversamente stabilito, la consegna";

2) dopo il comma 1 sono inseriti i seguenti:

"1-bis. Il Ministro della Giustizia non dà corso alla domanda di estradizione quando questa può compromettere la sovranità, la sicurezza o altri interessi essenziali dello Stato.

1-ter. Fermo quanto previsto dal comma 1-bis, quando un accordo internazionale prevede il potere di rifiutare l'estradizione di un cittadino senza regolarne l'esercizio, il Ministro della Giustizia rifiuta l'estradizione tenendo conto della gravità del fatto, della rilevanza degli interessi lesi dal reato e delle condizioni personali dell'interessato.

1-quater. Il Ministro della Giustizia concede l'estradizione della persona che ha prestato il consenso a norma dell'articolo 701, comma 2, sempre che non sussistano le ragioni ostative di cui all'articolo 705, comma 2.

1-quinquies. La decisione di non dare corso alla domanda di estradizione è comunicata dal Ministro della Giustizia allo Stato estero e all'Autorità giudiziaria.";

3) nella Rubrica e al comma 2 le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia";

b) all'articolo 700:

1) al comma 2, lettera b), le parole: ", con l'indicazione se per il fatto per cui è domandata l'estradizione è prevista dalla legge dello Stato estero la pena di morte e, in tal caso, quali assicurazioni lo Stato richiedente fornisce che tale pena non sarà inflitta o, se già inflitta, che non sarà eseguita" sono soppresse;

2) dopo la lettera b) è inserita la seguente: "b-bis) il provvedimento di commutazione della pena nei casi di cui all'articolo 698, comma 2;";

c) all'articolo 701:

1) al comma 2, 2° periodo, dopo le parole: "alla presenza del difensore" sono inserite le seguenti: "e, se del caso, dell'interprete";

2) al comma 4, 1° periodo, le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia";

d) all'articolo 703:

1) il comma 1 è sostituito dal seguente: "1. Il Ministro della Giustizia quando ritiene di dare corso alla domanda di estradizione, la trasmette entro 30 giorni dal ricevimento con i documenti che vi sono allegati al Procuratore generale presso la Corte di appello competente a norma dell'articolo 701, comma 4.";

2) il comma 2 è sostituito dal seguente: "2. Salvo che si sia già provveduto a norma dell'articolo 717, il Procuratore generale, ricevuta la domanda, dispone la comparizione davanti a sè dell'interessato e provvede alla sua identificazione. Procede, altresì, all'interrogatorio dello stesso e ne raccoglie, previa informazione sulle conseguenze, l'eventuale consenso all'estradizione o la rinuncia al principio di specialità. L'interessato è avvisato che è assistito da un difensore di ufficio, ma che può nominarne uno di fiducia. L'atto è compiuto alla necessaria presenza del difensore cui deve essere dato avviso almeno 24 ore prima.

Il consenso all'estradizione e la rinuncia al principio di specialità non sono validi se non sono espressi alla presenza del difensore. La rinuncia dell'estradato alla garanzia del principio di specialità è irrevocabile alle condizioni stabilite dall'articolo 717, comma 2-bis.";

3) il comma 3 è sostituito dal seguente: "3. Il Procuratore generale richiede alle Autorità straniere, per mezzo del Ministro della Giustizia, la documentazione e le informazioni suppletive che ritiene necessarie. Ove previsto dalle convenzioni internazionali, la richiesta è inoltrata direttamente dal Procuratore generale, che ne dà comunicazione al Ministro della Giustizia.";

4) al comma 4 le parole: "3 mesi" sono sostituite dalle seguenti: "30 giorni";

e) all'articolo 704:

1) al comma 1, 2° periodo, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: "e, ove necessario, nomina un interprete";

2) al comma 2, dopo le parole: "in Camera di consiglio" sono inserite le seguenti: ", entro 6 mesi dalla presentazione della requisitoria,"; le parole: "e dopo aver sentito" sono sostituite dalle seguenti: ", sentiti"; le parole: "se compaiono" sono sostituite dalle seguenti: "se comparsi";

3) il comma 3 è sostituito dal seguente: "3. Quando la decisione è favorevole all'estradizione, la Corte, se vi è richiesta del Ministro della Giustizia, dispone la custodia cautelare in carcere della persona da estradare che si trovi in libertà.

Provvede, altresì, al sequestro del corpo del reato e delle cose pertinenti, stabilendo quali devono essere consegnati allo Stato richiedente.";

f) all'articolo 705, comma 2, la lettera c) è sostituita dalle seguenti:

"c) se vi è motivo di ritenere che la persona verrà sottoposta ad atti persecutori o discriminatori per motivi di razza, di religione, di sesso, di nazionalità, di lingua, di opinioni politiche o di condizioni personali o sociali ovvero alla pena di morte o a pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti o comunque ad atti che configurano violazione di uno dei diritti fondamentali della persona;

c-bis) se ragioni di salute o di età comportino il rischio di conseguenze di eccezionale gravità per la persona richiesta.";

g) all'articolo 706, comma 1, dopo il 1° periodo è aggiunto il seguente: "La Corte decide entro 6 mesi dal ricevimento del ricorso.";

h) all'articolo 708:

1) al comma 1, le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia";

2) al comma 4, le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia";

i) all'articolo 709, comma 1, il 2° periodo è sostituito dal seguente: "Ove sia disposta la sospensione, il Ministro della Giustizia, sentita l'Autorità giudiziaria competente per il procedimento in corso nello Stato o per l'esecuzione della pena, può procedere alla consegna temporanea allo Stato richiedente della persona da estradare, concordandone termini e modalità.";

l) all'articolo 712:

1) il comma 1 è sostituito dal seguente: "1. Quando l'estradizione di una persona da uno Stato terzo a un altro richiede il transito sul territorio italiano, il Ministro della Giustizia lo autorizza, su domanda dello Stato richiedente l'estradizione, salvo che il transito non comprometta la sovranità, la sicurezza o altri interessi essenziali dello Stato.";

2) al comma 2, la lettera b) è sostituita dalla seguente: "b) se ricorre taluna delle ipotesi previste dall'art. 698;";

3) il comma 3 è sostituito dal seguente: "3. Se la persona estradata non ha consentito al transito con dichiarazione resa davanti all'Autorità giudiziaria dello Stato che ha concesso l'estradizione, l'autorizzazione è data previa decisione della Corte di appello di Roma, resa in Camera di consiglio.";

m) all'articolo 714, comma 1, le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia";

n) all'articolo 715:

1) al comma 1, le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia";

2) al comma 2, lettera b), le parole: "gli elementi sufficienti" sono sostituite dalle seguenti: "delle pene previste per lo stesso, nonchè gli elementi";

3) al comma 5, le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia";

4) al comma 6, le parole: "di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "della Giustizia";

o) all'articolo 716:

1) ai commi 2 e 4, le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia";

2) il comma 3 è sostituito dal seguente: "3. Quando non deve disporre la liberazione dell'arrestato, il Presidente della Corte di appello, entro le successive 48 ore, convalida l'arresto con ordinanza disponendo, se ne ricorrono i presupposti l'applicazione di una misura coercitiva. Dei provvedimenti dati informa immediatamente il Ministro della Giustizia.";

p) all'articolo 717:

1) al comma 1, le parole: "e ne raccoglie l'eventuale consenso all'estradizione facendone menzione nel verbale" sono sostituite dalle seguenti: ", al suo interrogatorio, e ne raccoglie, previa informazione sulle conseguenze giuridiche che ne derivano, l'eventuale consenso all'estradizione o la rinuncia alla garanzia del principio di specialità, facendone menzione nel verbale";

2) al comma 2, il 2° periodo è sostituito dai seguenti:

"Gli adempimenti di cui al comma 1 sono compiuti alla necessaria presenza del difensore, al quale è dato avviso almeno 24 ore prima. Il consenso all'estradizione e la rinuncia alla garanzia del principio di specialità non sono validi se non sono espressi alla presenza del difensore.";

3) dopo il comma 2 è aggiunto il seguente:

"2-bis. La rinuncia dell'estradato alla garanzia del principio di specialità è irrevocabile, salvo l'intervento di fatti nuovi che modifichino la situazione esistente al momento della rinuncia.";

q) all'articolo 718, comma 2, le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia".

Art. 5.

Modifiche in materia di estradizione dall'estero

1. Al Codice di procedura penale, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988, n. 447, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) all'articolo 720:

1) al comma 1, le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia";

2) al comma 3, le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia" e dopo le parole: "di differirne la presentazione" sono inserite le seguenti: ", quando la richiesta può pregiudicare la sovranità, la sicurezza o altri interessi essenziali dello Stato,";

3) ai commi 4 e 5, le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia";

b) l'articolo 721 è sostituito dal seguente:

"Art. 721. (Principio di specialità) - 1. La persona estradata non può essere sottoposta a restrizione della libertà personale in esecuzione di una pena o di una misura di sicurezza detentiva, nè assoggettata ad altra misura restrittiva della libertà personale per un fatto anteriore alla consegna diverso da quello per il quale l'estradizione è stata concessa.

2. Quando le convenzioni internazionali o le condizioni poste prevedono che un fatto anteriore alla consegna non possa essere giudicato, il Giudice dispone con ordinanza la sospensione del processo se l'azione penale è stata esercitata, sempre che non debba essere pronunciata sentenza di proscioglimento o di non luogo a procedere.

3. Avverso l'ordinanza di cui al comma 2 possono ricorrere per Cassazione il Pubblico Ministero, l'imputato e il suo difensore. Il ricorso non ha effetto sospensivo.

4. La sospensione del processo non impedisce il compimento degli atti urgenti, l'assunzione delle prove non rinviabili, nonchè di quelle che possono determinare il proscioglimento per fatti anteriori alla consegna.

5. Il principio di specialità non opera quando:

a) lo Stato estero ha consentito all'estensione;

b) l'estradato ha espresso il proprio consenso con le modalità indicate nell'articolo 717, commi 2 e 2-bis;

c) l'estradato, avendone avuta la possibilità, non ha lasciato il territorio dello Stato trascorsi 45 giorni dalla sua definitiva liberazione oppure se, dopo averlo lasciato, vi ha fatto volontariamente ritorno.";

c) dopo l'articolo 721 è inserito il seguente:

"Art. 721-bis. (Estensione dell'estradizione) - 1. Ai fini della richiesta di estensione dell'estradizione può essere emessa ordinanza di custodia cautelare quando sussistono gravi indizi di colpevolezza.

2. L'esecuzione dell'ordinanza resta sospesa fino alla concessione della estensione dell'estradizione ed è revocata, anche d'ufficio, in caso di rifiuto da parte dello Stato estero.

3. Concessa l'estensione, su richiesta del Pubblico Ministero l'ordinanza di custodia cautelare è confermata ai fini dell'esecuzione, soltanto se, fermi i gravi indizi di colpevolezza, sussistono esigenze cautelari a norma degli articoli 274 e seguenti.";

d) l'articolo 722 è sostituito dal seguente:

"Art. 722. (Custodia cautelare all'estero) - 1. La custodia cautelare all'estero in conseguenza di una domanda di estradizione presentata dallo Stato è computata ai sensi dell'articolo 303, fermo quanto previsto dall'articolo 304, comma 6.";

e) dopo l'articolo 722 è inserito il seguente:

"Art. 722-bis. (Riparazione per ingiusta detenzione) - 1. La custodia cautelare all'estero in conseguenza di una domanda di estradizione presentata dallo Stato è computata ai fini della riparazione per ingiusta detenzione nei casi indicati all'articolo 314.".

Art. 6.

Modifiche in materia di rogatorie dall'estero

1. Al Codice di procedura penale, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988, n. 447, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) l'articolo 723 è sostituito dal seguente:

"Art. 723. (Poteri del Ministro della Giustizia) - 1. Il Ministro della Giustizia provvede sulla domanda di assistenza giudiziaria di un'Autorità straniera, trasmettendola per l'esecuzione all'Autorità giudiziaria competente entro 30 giorni dalla ricezione della stessa, salvo quanto previsto dal comma 3.

2. Quando le convenzioni in vigore tra gli Stati membri dell'Unione europea, ovvero gli atti adottati dal Consiglio e dal Parlamento dell'Unione europea, prevedono un intervento del Ministro, questi può disporre con decreto di non dare corso alla esecuzione della domanda di assistenza giudiziaria nei casi e nei limiti stabiliti dalle convenzioni e dagli atti indicati.

3. Nei rapporti con Stati diversi da quelli membri dell'Unione europea, tale potere può essere esercitato altresì in caso di pericolo per la sovranità, la sicurezza o altri interessi essenziali dello Stato.

4. Quando un accordo internazionale prevede la trasmissione diretta della richiesta di assistenza, l'Autorità giudiziaria che la riceve ne trasmette copia senza ritardo al Ministero della Giustizia.

5. Il Ministro della Giustizia non dà altresì corso alla rogatoria quando risulta evidente che gli atti richiesti sono espressamente vietati dalla legge o sono contrari ai princìpi fondamentali dell'Ordinamento giuridico italiano o ancora quando vi sono fondate ragioni per ritenere che considerazioni relative alla razza, alla religione, al sesso, alla nazionalità, alla lingua, alle opinioni politiche o alle condizioni personali o sociali possano influire negativamente sullo svolgimento o sull'esito del processo e non risulta che l'imputato abbia liberamente espresso il suo consenso alla rogatoria.

6. Nei casi in cui la richiesta di assistenza ha ad oggetto la citazione di un testimone, di un perito o di un imputato davanti all'Autorità giudiziaria straniera, il Ministro della Giustizia ha facoltà di non dare corso alla stessa quando lo Stato richiedente non offre idonea garanzia in ordine all'immunità della persona citata. Il Ministro ha altresì facoltà di non dare corso alla richiesta di assistenza giudiziaria quando lo Stato richiedente non dà idonee garanzie di reciprocità.

7. Nei casi in cui il Ministro della Giustizia esercita il potere di cui al presente articolo ne dà comunicazione alle Autorità giudiziarie interessate.";

b) l'articolo 724 è sostituito dal seguente:

"Art. 724. (Procedimento di esecuzione) - 1. Le richieste diassistenza giudiziaria per le attivita' di acquisizione probatoria edi sequestro di beni a fini di confisca sono trasmesse al procuratore della Repubblica presso il Tribunale del capoluogo del distretto del luogo nel quale deve compiersi l'attività richiesta.

2. Il Procuratore della Repubblica, ricevuti gli atti trasmessi dal Ministro della Giustizia o direttamente dall'Autorità straniera a norma di convenzioni internazionali in vigore per lo Stato, se la rogatoria ha per oggetto acquisizioni probatorie da compiersi davanti al Giudice ovvero attività che secondo la legge italiana devono essere svolte dal Giudice, presenta senza ritardo le proprie richieste al Giudice per le indagini preliminari.

3. Negli altri casi il Procuratore della Repubblica dà senza ritardo esecuzione alla richiesta, con decreto motivato.

4. Quando la domanda di assistenza ha ad oggetto atti che devono essere eseguiti in più distretti all'esecuzione provvede il Procuratore del luogo nel quale deve compiersi il maggior numero di atti, ovvero, se di eguale numero, quello nel cui distretto deve compiersi l'atto di maggiore importanza investigativa.

5. Se il Procuratore della Repubblica ritiene che deve provvedere alla esecuzione altro ufficio, trasmette allo stesso immediatamente gli atti; in caso di contrasto si applicano gli articoli 54, 54-bis e 54-ter.

6. Quando è previsto l'intervento del Giudice, in caso di contrasto, gli atti sono trasmessi alla Corte di cassazione che decide secondo le forme previste dagli articoli 32, comma 1, e 127, in quanto compatibili. L'avviso di cui all'articolo 127, comma 1, è comunicato soltanto al Procuratore generale presso la Corte di cassazione. La Corte di cassazione trasmette gli atti all'Autorità giudiziaria designata, comunicando la decisione al Ministero della Giustizia.

7. L'esecuzione della domanda di assistenza giudiziaria è negata:

a) se gli atti richiesti sono vietati dalla legge o sono contrari a princìpi dell'Ordinamento giuridico dello Stato;

b) se il fatto per cui procede l'Autorità straniera non è previsto come reato dalla legge italiana e non risulta che l'imputato abbia liberamente espresso il suo consenso alla domanda di assistenza giudiziaria;

c) se vi sono fondate ragioni per ritenere che considerazioni relative alla razza, alla religione, al sesso, alla nazionalità, alla lingua, alle opinioni politiche o alle condizioni personali o sociali possano influire sullo svolgimento o sull'esito del processo e non risulta che l'imputato abbia liberamente espresso il suo consenso alla domanda di assistenza giudiziaria.

8. L'esecuzione della richiesta di assistenza giudiziaria è sospesa quando da essa può derivare pregiudizio alle indagini o a procedimenti penali in corso.

9. Il Procuratore della Repubblica trasmette senza ritardo al Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo copia delle richieste di assistenza dell'Autorità straniera che si riferiscono ai delitti di cui all'articolo 51, commi 3-bis e 3-quater.";

c) l'articolo 725 è sostituito dal seguente:

"Art. 725. (Esecuzione delle rogatorie) - 1. Per il compimento degli atti richiesti si applicano le disposizioni del presente Codice, salva l'osservanza delle forme espressamente richieste dall'Autorità giudiziaria straniera che non siano contrarie ai princìpi dell'Ordinamento giuridico dello Stato.

2. Si applica l'articolo 370, comma 3.

3. L'Autorità giudiziaria può autorizzare, con decreto motivato, la presenza al compimento degli atti richiesti di rappresentanti o incaricati dell'Autorità richiedente. Quando la richiesta proviene da Autorità diverse da quelle di Stati membri dell'Unione europea, l'autorizzazione è comunicata al Ministro della Giustizia.

4. Se nel corso dell'esecuzione il Procuratore della Repubblica rileva l'opportunità del compimento di atti ulteriori non indicati nella richiesta, ne informa senza ritardo l'Autorità richiedente ai fini dell'integrazione della richiesta. Si osservano, in quanto compatibili, le disposizioni di cui all'articolo 724, commi 7 e 9.";

d) l'articolo 726-ter è sostituito dal seguente:

"Art. 726-ter. (Rogatoria proveniente da Autorità amministrativa straniera) - 1. Quando la richiesta di assistenza giudiziaria in un procedimento concernente un reato è presentata da un'Autorità amministrativa di altro Stato, essa è trasmessa per l'esecuzione al Procuratore della Repubblica del luogo nel quale devono essere compiuti gli atti richiesti. Si applicano in quanto compatibili le disposizioni del presente Capo.";

e) dopo l'articolo 726-ter sono inseriti i seguenti:

"Art. 726-quater. (Trasferimento temporaneo all'estero di persone detenute) - 1. Sulle richieste di trasferimento temporaneo a fini di indagine di persone detenute o internate, previste da accordi internazionali in vigore per lo Stato, provvede il Ministro della Giustizia, sentita l'Autorità giudiziaria procedente ovvero il Magistrato di sorveglianza quando si tratti di soggetto condannato o internato e acquisite le informazioni relative alla situazione processuale, alle condizioni di salute e alle eventuali esigenze di sicurezza.

2. In caso di accoglimento, il Ministro della Giustizia indica il termine entro il quale la persona deve essere riconsegnata, che non può comunque eccedere il tempo strettamente necessario all'espletamento dell'atto.

3. L'Autorità giudiziaria italiana concorda con l'Autorità straniera competente le modalità del trasferimento e della detenzione nello Stato richiedente.

4. Il trasferimento temporaneo è rifiutato se:

a) la persona detenuta non vi acconsente;

b) il trasferimento può prolungare la sua detenzione.

5. Il trasferimento temporaneo è subordinato alla condizione che la persona trasferita non sia perseguita, detenuta o sottoposta a qualsiasi altra restrizione della libertà personale nello Stato richiedente per fatti commessi o condanne pronunciate prima del suo temporaneo trasferimento, salvo che:

a) il testimone, il perito o l'imputato, avendone avuta la possibilità, non ha lasciato il territorio dello Stato richiedente trascorsi 15 giorni dal momento in cui la sua presenza non è più richiesta dall'Autorità giudiziaria;

b) avendolo lasciato, vi ha fatto volontariamente ritorno.

6. La persona trasferita rimane in stato di detenzione nel territorio dello Stato estero, salvo che l'Autorità giudiziaria italiana ne disponga la liberazione. La detenzione al di fuori del territorio nazionale si considera ad ogni effetto come sofferta in Italia.

Art. 726-quinquies. (Audizione mediante videoconferenza o altra trasmissione audiovisiva) - 1. Nei casi previsti dagli accordi internazionali, l'audizione e la partecipazione all'udienza davanti all'Autorità giudiziaria straniera della persona sottoposta ad indagini, dell'imputato, del testimone, del consulente tecnico o del perito che si trovi nello Stato può essere eseguita mediante videoconferenza o altra forma di collegamento audiovisivo a distanza.

2. L'Autorità giudiziaria competente ai sensi dell'articolo 724 procede all'esecuzione della richiesta, salvo che sia contraria ai princìpi fondamentali dell'Ordinamento. L'audizione e la partecipazione a distanza della persona sottoposta alle indagini o dell'imputato è subordinata all'acquisizione del consenso dello stesso.

3. L'Autorità giudiziaria e l'Autorità richiedente concordano le modalità dell'audizione o della partecipazione a distanza, nonchè le eventuali misure relative alla protezione della persona di cui è richiesto l'esame o la partecipazione a distanza.

4. Per la citazione della persona di cui è richiesta l'audizione o la partecipazione a distanza si applicano le norme del presente Codice.

5. L'Autorità giudiziaria provvede all'identificazione della persona di cui è richiesta l'audizione o la partecipazione e assicura, ove necessario, la presenza di un interprete e la traduzione degli atti nei casi previsti dalla legge.

6. L'audizione è direttamente condotta dall'Autorità richiedente secondo il proprio diritto interno, in presenza dell'Autorità nazionale che, assistita se del caso da un interprete, assicura il rispetto dei princìpi fondamentali dell'Ordinamento giuridico italiano.

7. Al termine delle operazioni è redatto processo verbale attestante la data e il luogo di esecuzione delle medesime, l'identità della persona sentita o che ha partecipato all'udienza, fatte salve le misure eventualmente concordate per la protezione della stessa, nonchè l'identità e le qualifiche di tutte le altre persone presenti, le eventuali prestazioni di giuramento e le condizioni tecniche in cui si è svolto il collegamento. Il processo verbale, sottoscritto dall'Autorità giudiziaria procedente, è trasmesso all'Autorità richiedente.

8. Si applicano le norme di cui agli articoli 366, 367, 368, 369, 371-bis, 372 e 373 del Codice penale per i fatti commessi nel corso dell'audizione in videoconferenza.

Art. 726-sexies. (Audizione mediante teleconferenza) - 1. Nei casi previsti dagli accordi internazionali, l'audizione del testimone o del perito che si trovi nello Stato e la cui comparizione davanti all'Autorità richiedente non sia possibile od opportuna può essere eseguita mediante teleconferenza.

2. Si applicano le disposizioni dell'articolo 726-quinquies, comma 8, nonchè in quanto compatibili le ulteriori disposizioni del medesimo articolo.".

Art. 7.

Modifiche in materia di rogatorie all'estero

1. Al Codice di procedura penale, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988, n. 447, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) l'articolo 727 è sostituito dal seguente:

"Art. 727. (Trasmissione di rogatorie ad Autorità straniere) - 1. Le richieste di assistenza giudiziaria per comunicazioni, notificazioni e per attività di acquisizione probatoria sono trasmesse al Ministro della Giustizia il quale provvede all'inoltro all'Autorità estera entro 30 giorni dalla ricezione. Il Ministro comunica senza ritardo all'Autorità giudiziaria richiedente la data di ricezione della domanda.

2. Quando le convenzioni in vigore tra gli Stati membri dell'Unione europea, ovvero le disposizioni del diritto dell'Unione europea, prevedono l'intervento del Ministro della Giustizia, questi può disporre con decreto che non si dia corso all'inoltro della richiesta di assistenza giudiziaria nei casi e nei limiti stabiliti dalle convenzioni e dagli atti indicati. Nei rapporti con Stati diversi da quelli membri dell'Unione europea, tale potere può essere esercitato, oltre a quanto previsto dalle convenzioni, in caso di pericolo per la sovranità, la sicurezza o altri interessi essenziali dello Stato.

3. Il Ministro della Giustizia comunica tempestivamente all'Autorità richiedente l'avvenuto inoltro, ovvero il decreto di cui al comma 2.

4. Quando la richiesta di assistenza giudiziaria non è stata inoltrata dal Ministro della Giustizia entro 30 giorni dalla ricezione e non sia stato emesso il decreto previsto dal comma 2, l'Autorità giudiziaria può provvedere all'inoltro diretto all'Agente diplomatico o consolare italiano, informandone il Ministro.

5. Nei casi urgenti, l'Autoritò giudiziaria provvede all'inoltro diretto a norma del comma 4 dopo che copia della richiesta di assistenza è stata ricevuta dal Ministro della Giustizia. Resta salva l'applicazione della disposizione del comma 2 sino al momento della trasmissione della domanda, da parte dell'Agente diplomatico o consolare, all'Autorità straniera.

6. Quando un accordo internazionale prevede la trasmissione diretta della richiesta di assistenza giudiziaria, l'Autorità giudiziaria ne trasmette copia senza ritardo al Ministro della Giustizia.

7. Quando, nei rapporti di assistenza giudiziaria con Stati diversi da quelli membri dell'Unione europea, le convenzioni internazionali prevedono la trasmissione diretta delle domande di assistenza, l'Autorità giudiziaria provvede alla trasmissione diretta decorsi 10 giorni dalla ricezione della copia della stessa da parte del Ministro della Giustizia. Entro il termine indicato, il Ministro della Giustizia può esercitare il potere di cui al comma 2.

8. In ogni caso, copia delle richieste di assistenza giudiziaria formulate nell'ambito di procedimenti relativi ai delitti di cui all'articolo 51, commi 3-bis e 3-quater, è trasmessa senza ritardo al Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo.

9. Quando, a norma di accordi internazionali, la richiesta di assistenza giudiziaria può essere eseguita secondo quanto previsto dall'Ordinamento giuridico dello Stato, l'Autorità giudiziaria indica all'Autorità dello Stato estero le modalità e le forme stabilite dalla legge ai fini dell'utilizzabilità degli atti richiesti.";

b) l'articolo 728 è sostituito dal seguente:

"Art. 728. (Immunità temporanea della persona citata) - 1. Nei casi in cui la domanda di assistenza giudiziaria ha ad oggetto la citazione di un testimone, di un perito o di un imputato davanti all'Autorità giudiziaria italiana, la persona citata, qualora compaia, non può essere sottoposta a restrizione della libertà personale in esecuzione di una pena o di una misura di sicurezza nè assoggettata ad altre misure restrittive della libertà personale per fatti anteriori alla notifica della citazione, salvo che:

a) il testimone, il perito o l'imputato, avendone avuta la possibilità, non ha lasciato il territorio dello Stato trascorsi 15 giorni dal momento in cui la sua presenza non è più richiesta dall'Autorità giudiziaria;

b) avendolo lasciato, vi ha fatto volontariamente ritorno.";

c) l'articolo 729 è sostituito dal seguente:

"Art. 729. (Utilizzabilità degli atti assunti per rogatoria) - 1. Nei casi in cui lo Stato estero abbia posto condizioni all'utilizzabilità degli atti richiesti, l'Autorità giudiziaria è vincolata al rispetto di tali condizioni.

2. Se lo Stato estero dà esecuzione alla richiesta di assistenza con modalità diverse da quelle indicate dall'Autorità giudiziaria ai sensi dell'articolo 727, comma 9, gli atti compiuti sono inutilizzabili solo nei casi in cui l'inutilizzabilità è prevista dalla legge.

3. Non possono in ogni caso essere utilizzate le dichiarazioni, da chiunque rese, aventi ad oggetto il contenuto di atti inutilizzabili.

4. Si applica la disposizione dell'articolo 191, comma 2.";

d) dopo l'articolo 729 sono inseriti i seguenti:

"Art. 729-bis. (Acquisizione di atti e informazioni da Autorità straniere) - 1. La documentazione relativa ad atti e a informazioni spontaneamente trasmessi dall'Autorità di altro Stato può essere acquisita al fascicolo del Pubblico Ministero.

2. L'Autorità giudiziaria è vincolata al rispetto delle condizioni eventualmente poste all'utilizzabilità degli atti e delle informazioni spontaneamente trasmessi a norma del comma 1.

Art. 729-ter. (Trasferimento temporaneo in Italia di persone detenute) - 1. L'Autorità giudiziaria può richiedere il trasferimento temporaneo nel territorio italiano di persona detenuta in altro Stato, al fine del compimento di un atto di indagine o per l'assunzione di una prova.

2. L'Autorità giudiziaria italiana concorda con l'Autorità straniera competente le modalità del trasferimento e il termine entro cui la persona detenuta deve fare rientro nello Stato richiesto, tenuto conto delle condizioni di salute fisica e mentale della persona interessata, nonchè del livello di sicurezza indicato dall'Autorità dello Stato richiesto.

3. Ai fini dell'esecuzione il Procuratore della Repubblica dispone che la persona temporaneamente trasferita sia custodita, per la durata del trasferimento temporaneo, nella casa circondariale del luogo di compimento dell'atto di indagine o di prova. Le spese di mantenimento sono a carico dello Stato italiano.

4. La persona trasferita rimane in stato di detenzione sul territorio nazionale, salvo che l'Autorità straniera non ne chieda la liberazione.

5. Quando il trasferimento temporaneo è condizionato al fatto che la persona trasferita non può essere perseguita, detenuta o sottoposta a qualsiasi altra restrizione della libertà personale nello Stato italiano per fatti commessi o condanne pronunciate prima del suo temporaneo trasferimento, l'immunità cessa qualora il testimone, il perito o l'imputato, avendone avuta la possibilità, non ha lasciato il territorio dello Stato trascorsi 15 giorni dal momento in cui la sua presenza non è più richiesta dall'Autorità giudiziaria ovvero, avendolo lasciato, vi ha fatto volontariamente ritorno.

Art. 729-quater. (Audizione mediante videoconferenza o altra trasmissione audiovisiva) - 1. Nei casi previsti dagli accordi internazionali, l'audizione e la partecipazione all'udienza davanti all'Autorità giudiziaria italiana della persona sottoposta ad indagini, dell'imputato, del testimone o del perito che si trovi all'estero e che non possa essere trasferito in Italia, può essere eseguita mediante videoconferenza o altra forma di collegamento audiovisivo a distanza.

2. L'audizione e la partecipazione a distanza della persona sottoposta alle indagini o dell'imputato è subordinata all'acquisizione del consenso dello stesso. Si applicano, in ogni caso, le disposizioni di cui all'articolo 205-ter delle disposizioni di attuazione.

3. L'Autorità giudiziaria e l'Autorità straniera competente concordano le modalità della citazione, dell'audizione o della partecipazione a distanza, nonchè le eventuali misure relative alla protezione della persona di cui è richiesto l'esame o la partecipazione all'udienza.

4. L'Autorità giudiziaria richiede all'Autorità straniera di identificare la persona da sentire o di cui è chiesta la partecipazione all'udienza e di comunicarle tempestivamente i diritti che le vengono riconosciuti dall'Ordinamento italiano e, ove necessario, quelli relativi alla traduzione e alla interpretazione, al fine di garantirne l'effettivo esercizio.

5. L'imputato e la persona sottoposta alle indagini sono necessariamente assistiti dal difensore e devono essere informati dei diritti e delle facoltà che sono loro riconosciuti dall'Ordinamento interno e da quello dello Stato richiedente. I testimoni e i periti sono informati della facoltà di astensione prevista dall'Ordinamento interno e da quello dello Stato richiesto.

6. L'Autorità giudiziaria può mettere a disposizione dello Stato richiesto i mezzi tecnici per procedere all'audizione mediante videoconferenza, ove necessario.

7. Nel verbale redatto dall'Autorità giudiziaria procedente deve darsi atto che l'attività è stata compiuta mediante collegamento a distanza.

Art. 729-quinquies. (Squadre investigative comuni) - 1. Quando le convenzioni in vigore tra gli Stati membri dell'Unione europea, ovvero le disposizioni del diritto dell'Unione europea prevedono l'impiego di squadre investigative comuni, il Procuratore della Repubblica può richiedere la costituzione di una o più squadre investigative comuni con le modalità e alle condizioni stabilite dalla legge.

2. Nei rapporti con le Autorità giudiziarie di Stati diversi da quelli membri dell'Unione europea il procuratore della Repubblica può richiedere la costituzione di una o più squadre investigative comuni con le modalità e alle condizioni stabilite dalla legge, nei casi previsti dagli accordi internazionali. Della costituzione di una o più squadre investigative comuni è data comunicazione al Ministro della Giustizia.".

Art. 8.

Modifiche in materia di effetti

delle sentenze penali straniere

1. Al Codice di procedura penale, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988, n. 447, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) all'articolo 730:

1) al comma 1, 1° periodo, le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia" e dopo le parole: "il provvedimento giudiziario straniero, o" sono inserite le seguenti: ", se questo è sconosciuto,";

2) al comma 2, 2° periodo, le parole: "Ministero di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministero della Giustizia";

3) al comma 2-bis, dopo le parole: "ne richiede la trasmissione all'Autorità straniera" sono inserite le seguenti: "con le forme previste dalle convenzioni internazionali in vigore con lo Stato estero ovvero, in mancanza,";

b) all'articolo 731:

1) al comma 1, 1° periodo, le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia";

2) al comma 1, 2° periodo, dopo le parole: "il provvedimento giudiziario straniero, o" sono inserite le seguenti: "", se questo è sconosciuto,";

3) al comma 1, in fine, è aggiunto il seguente periodo: "Le informazioni supplementari, eventualmente necessarie, possono essere richieste e ottenute con qualsiasi mezzo idoneo a garantire l'autenticità della documentazione e della provenienza.";

c) all'articolo 733, comma 1, lettera b), sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: ", ovvero quando le condizioni poste dallo Stato straniero per l'esecuzione della sentenza della quale è chiesto il riconoscimento sono contrarie a tali princìpi";

d) l'articolo 734 è sostituito dal seguente:

"Art. 734. (Deliberazione della Corte di appello) - 1. La Corte di appello delibera in ordine al riconoscimento senza ritardo, e comunque non oltre 90 giorni dal ricevimento della richiesta, pronunciando sentenza, nella quale enuncia espressamente gli effetti che ne conseguono, osservate le forme di cui all'articolo 127.

2. Nei casi disciplinati dagli articoli 730, 732 e 741 la Corte di appello decide sulla base della richiesta scritta del Procuratore generale e delle memorie presentate dalle Parti.

3. Avverso la decisione della Corte di appello il Procuratore generale, l'interessato e il difensore possono proporre ricorso per Cassazione per violazione di legge. La decisione della Corte di cassazione è adottata entro 60 giorni dal ricevimento del ricorso.";

e) dopo l'articolo 734 è aggiunto il seguente:

"Art. 734-bis. (Poteri del Ministro in materia di esecuzione della decisione dello Stato estero) - 1. Il Ministro della Giustizia assicura il rispetto delle condizioni eventualmente poste dallo Stato estero per l'esecuzione della sentenza della quale è stato chiesto il riconoscimento, purchè non contrastanti con i princìpi fondamentali dell'Ordinamento giuridico dello Stato.";

f) all'articolo 735:

1) dopo il comma 4, è inserito il seguente:

"4-bis. Se la decisione prevede la concessione di benefici riconosciuti nello Stato di emissione, diversi da quelli di cui al comma 4, essi sono convertiti in misure analoghe previste dall'Ordinamento giuridico italiano.";

2) al comma 5, le parole: "lire italiane" sono sostituite dalle seguenti: "euro";

3) al comma 6, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: ", fermo quanto previsto dall'articolo 733, comma 1-bis";

g) all'articolo 736:

1) al comma 3, 1° periodo, dopo le parole: "alla identificazione" sono inserite le seguenti: "e all'audizione";

2) al comma 4, le parole: "6 mesi" sono sostituite dalle seguenti: "90 giorni" e le parole: "10 mesi" sono sostituite dalle seguenti: "5 mesi";

h) all'articolo 737-bis:

1) i commi 1 e 2 sono sostituiti dai seguenti:

"1. Nei casi previsti da convenzioni internazionali, al fine di dar corso alla domanda dell'Autorità straniera di procedere ad indagini su beni che possono divenire oggetto di una successiva richiesta di esecuzione di una confisca, anche se non ancora adottata, ovvero di procedere al sequestro di tali beni, si applicano gli articoli 723, 724 e 725.

2. A tal fine il Ministro della Giustizia trasmette la richiesta, unitamente agli atti allegati, al Procuratore distrettuale competente ai sensi dell'articolo 724.";

2) dopo il comma 3 è inserito il seguente:

"3-bis. L'Autorità giudiziaria comunica al Ministro della Giustizia l'adozione del provvedimento di sequestro richiesto dall'Autorità straniera.";

3) i commi 4 e 5 sono soppressi;

4) al comma 6, 1° periodo, le parole: "la Corte d'appello ordina" sono sostituite dalle seguenti: "si dispone"; le parole: "entro 2 anni" sono sostituite dalle seguenti: "entro un anno"; al 2° periodo, le parole: "2 anni" sono sostituite dalle seguenti: "6 mesi" e le parole: "la Corte d'appello" sono sostituite dalle seguenti: "l'Autorità giudiziaria".

Art. 9.

Modifiche in materia di esecuzione all'estero

di sentenze penali italiane

1. Al Codice di procedura penale, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988, n. 447, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) all'articolo 742:

1) nella Rubrica le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia";

2) al comma 1, le parole: "il Ministro di Grazia e Giustizia domanda" sono sostituite dalle seguenti: "il Ministro della Giustizia, anche su domanda del Pubblico Ministero competente, chiede" e sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: ", sempre che non contrasti con i princìpi fondamentali dell'Ordinamento giuridico dello Stato";

b) dopo l'articolo 742 è inserito il seguente:

"Art. 742-bis. (Poteri del Ministro della Giustizia in materia di esecuzione della decisione nello Stato estero) - 1. Il Ministro della Giustizia vigila sull'osservanza delle condizioni eventualmente poste per l'esecuzione nello Stato estero della sentenza della quale è stato chiesto il riconoscimento.";

c) all'articolo 743:

1) al comma 1, 2° periodo, le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia";

2) al comma 2, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: ", nei termini di cui all'articolo 734";

3) al comma 4, dopo le parole: "ricorso per Cassazione" sono inserite le seguenti: "per violazione di legge" e le parole: "e dell'interessato" sono sostituite dalle seguenti: ", dell'interessato e del difensore";

d) all'articolo 744 le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia";

e) all'articolo 745 le parole: "Ministro di Grazia e Giustizia" sono sostituite dalle seguenti: "Ministro della Giustizia".

Art. 10.

Disposizioni in materia

di trasferimento dei procedimenti penali

1. Al Codice di procedura penale, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988, n. 447, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al Libro XI, dopo il Titolo IV, è inserito il seguente:

"TITOLO IV-bis

TRASFERIMENTO DEI PROCEDIMENTI PENALI

Art. 746-bis. (Disposizioni generali) - 1. Salve le disposizioni speciali in materia di conflitti di giurisdizione con le Autorità giudiziarie degli Stati membri dell'Unione europea, possono essere disposti, quando previsto dalle convenzioni internazionali, sia il trasferimento del procedimento penale in favore dell'Autorità giudiziaria di altro Stato perchè essa proceda che l'assunzione, nello Stato, del procedimento penale pendente davanti all'Autorità giudiziaria di Stato estero.

2. Il trasferimento del procedimento penale o la sua assunzione sono disposti fino a quando non sia esercitata l'azione penale.

3. Il trasferimento è disposto in favore dell'Autorità giudiziaria di altro Stato che presenti più stretti legami territoriali con il fatto per il quale si procede o con le fonti di prova. Ai fini della decisione si tiene conto dei seguenti criteri:

a) luogo in cui è avvenuta la maggior parte dell'azione, dell'omissione o dell'evento;

b) luogo in cui si è verificata la maggior parte delle conseguenze dannose;

c) luogo in cui si trovano il maggior numero di persone offese, di testimoni o delle fonti di prova;

d) impossibilità di procedere ad estradizione dell'indagato che ha trovato rifugio nello Stato richiesto;

e) luogo in cui risiede, dimora, è domiciliato ovvero si trova l'indagato.

Art. 746-ter. (Assunzione di procedimenti penali dall'estero) - 1. Il Ministro della Giustizia, ricevuta richiesta di assunzione nello Stato di un procedimento penale, la trasmette all'Ufficio del Pubblico Ministero presso il Giudice competente.

2. Nel caso in cui le convenzioni internazionali prevedono il rapporto diretto tra Autorità giudiziarie, il Pubblico Ministero dà tempestiva comunicazione al Ministro della Giustizia del provvedimento di assunzione, reso all'esito delle consultazioni con l'Autorità giudiziaria dello Stato estero.

3. La decisione di assunzione del procedimento è notificata alla persona offesa con l'avviso della facoltà di proporre querela, se questa è richiesta soltanto dall'Ordinamento dello Stato. Il termine per la presentazione della querela decorre dalla notificazione dell'avviso.

4. La querela presentata nello Stato estero conserva efficacia nell'Ordinamento interno.

5. Nel caso di misure cautelari disposte nel procedimento assunto in Italia, si applica l'articolo 27, ma il termine per l'adozione dei relativi provvedimenti è di 30 giorni dalla ricezione degli atti.

6. Il periodo di custodia cautelare sofferto all'estero è computato ai sensi e per gli effetti degli articoli 303, comma 4, 304 e 657. Si applica il comma 2 dell'art. 303.

7. Gli atti di acquisizione probatoria compiuti all'estero conservano la loro efficacia e sono utilizzabili secondo la legge italiana, sempre che non contrastino con i princìpi fondamentali dell'Ordinamento.

8. Il Ministro della Giustizia informa tempestivamente lo Stato estero delle decisioni assunte dalle Autorità giudiziarie italiane.

Art. 746-quater. (Trasferimento di procedimenti penali all'estero) - 1. Quando il Pubblico Ministero ha notizia della pendenza di un procedimento penale all'estero, per gli stessi fatti per i quali si è proceduto all'iscrizione a norma dell'articolo 335, adotta le proprie determinazioni in relazione al trasferimento del procedimento, dopo essersi consultato con la competente Autorità straniera.

2. La decisione sul trasferimento del procedimento all'estero è comunicata al Ministro della Giustizia che, nel termine di 30 giorni dalla ricezione degli atti, può vietarne l'esecuzione quando sono compromessi la sicurezza, la sovranità o altri interessi essenziali dello Stato, nonchè nei casi previsti dal comma 4. Della decisione del Ministro è data comunicazione al Pubblico Ministero.

3. Quando gli accordi internazionali prevedono la decisione di Autorità centrali, il Pubblico Ministero inoltra al Ministro della Giustizia richiesta motivata di trasferimento del procedimento. Entro il termine di 30 giorni dalla ricezione degli atti, il Ministro può disporre il trasferimento sempre che non ricorrano le condizioni di cui ai commi 2 e 4, dandone tempestiva comunicazione all'Autorità straniera e al Pubblico Ministero che procede.

4. Non può disporsi il trasferimento del procedimento se vi è motivo di ritenere che lo Stato estero non assicuri, nel procedimento, il rispetto dei princìpi fondamentali dell'Ordinamento, ovvero se vi è motivo di ritenere che l'indagato verrà sottoposto ad atti persecutori o discriminatori per motivi di razza, di religione, di sesso, di nazionalità, di lingua, di opinioni politiche o di condizioni personali o sociali ovvero a pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti o comunque ad atti che configurano violazione di uno dei diritti fondamentali della persona.

5. Il procedimento penale è sospeso dal momento della trasmissione al Ministro della Giustizia della decisione prevista dal comma 2 o della richiesta motivata prevista al comma 3 e sino alla comunicazione della decisione del Ministro. In ogni caso possono essere compiuti gli atti urgenti o irripetibili.

6. A seguito della comunicazione del trasferimento all'estero del procedimento penale ovvero decorso il termine di cui al comma 2 senza che il Ministro abbia esercitato il potere di diniego, il Giudice emette decreto di archiviazione. Non si applicano gli articoli 408, 409 e 410. Il decreto di archiviazione è comunicato alla persona offesa che, nella notizia di reato o successivamente alla sua presentazione, abbia dichiarato di volere essere informata circa l'eventuale archiviazione.

7. Resta fermo quanto stabilito dall'articolo 414 quando l'azione penale non è esercitata nello Stato estero nel termine convenuto all'atto del trasferimento, sempre che la decisione assunta nello Stato estero non determini il divieto di un 2° giudizio.

Dell'avvenuta riapertura delle indagini è data comunicazione allo Stato estero.

Art. 11.

Clausola di invarianza finanziaria

1. Dall'attuazione delle disposizioni di cui al presente decreto non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

Le Amministrazioni interessate provvedono agli adempimenti previsti dal presente decreto con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente.

Il presente decreto, munito del sigillo di Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a Roma, addì 3 ottobre 2017

 

Stampa l'Articolo   Aggiungi l'Articolo all'elenco dei tuoi Preferiti   Aggiungi/Visualizza i commenti sull'Articolo   Chiudi Scheda